hearst-castle-2737151_1280.jpg
LUMINOSITÀ IN PRESTITO
Artisti italiani del nord della California dal XIX al XX secolo
Di Francine Brevetti

   È straziante, ma dopo la chiusura di Moar, il murale è stato rimosso e conservato a Los Banos. Non abbiamo traccia della sua posizione attuale.

   Fateci sapere se avete notizie della sua ubicazione.

   Gottardo Piazzoni (1872-1945), uno svizzero-italiano era tra la scuola di pittori noti come tonalisti che usavano una tavolozza tenue. I suoi paesaggi sono sognanti e poetici. La sua opera locale più famosa adornava la scalinata della Biblioteca Pubblica Principale di San Francisco. Ma quando la biblioteca fu convertita al Museo d'Arte Asiatica, i murales espansivi e sommessi di Piazzoni furono trasferiti al Museo De Young. Sono lì oggi.

   Suo nipote, il compianto pittore Russell Chatham, ricorda la sua crescita sotto la tutela del nonno e discute la vita e l'opera di Piazzoni in questo video:

   La Works Progress Administration, il progetto del presidente Franklin D. Roosevelt che ha messo al lavoro le persone durante la Grande Depressione, ha impiegato oltre 30 pittori, muralisti, piastrellisti e scultori italiani e italiani.  

Oggi è più probabile che san francescani e turisti conoscano i murales di Rinaldo Cuneo (1877-1939) nella Torre Coit.  

   Nato a San Francisco, Cuneo ha studiato arte a Londra e Parigi prima che la WPA lo ingaggiasse come uno dei muralisti della Coit Tower. In questo monumento lui e altri muralisti dipinsero direttamente su intonaco bagnato, raffigurando scene di lavoratori californiani nell'agricoltura, nell'industria, nella vita urbana e rurale.

   Un altro artista WPA è stato Primo Caredio (1896-1964) i cui murales su piastrelle di vinificazione e grappoli d'uva decorano le pareti del Beach Chalet sulla Great Highway.  L'ex cinema, l'Alhambra in Polk St., è oggi un centro benessere. Ma il suo minareto piastrellato testimonia ancora l'abilità di Caredio.  

   Dalle opere sobrie del WPA, passiamo all'opulenza dell'Hearst Castle a San Simeon. L'editore William Randolph Hearst ha tempestato il suo castello di tesori rubati all'Europa. Fece copiare tali gemme anche nel suo splendido palazzo.  

   Hearst ha coinvolto una quantità di artisti italiani per creare sculture, dipinti, mosaici e murales, adornando il suo parco giochi per i ricchi e famosi. Tra loro c'erano Cardini, lo zio e il nipote Giaritta ed Ettore Serbaroli.

   Secondo i documenti del castello, lo scalpellino e intagliatore Lorenzo Cardini (1885-1969) "ha creato opere d'arte originali e ha fabbricato aggiunte moderne che si fondessero con i frammenti di opere d'arte antiche". Le sculture di Cardini includono i lampioni Standing Swan trovati lungo la Terrazza di Nettuno.  Un video del suo lavoro può essere visto sul sito di Hearst Castle:  https://hearstcastle.org

   Tony Giaritta e suo nipote Joseph (1909-2004) hanno posato le piastrelle per l'opulenta piscina romana del Castello. In questo stimolante video, i Giaritta descrivono come hanno tagliato lastre di vetro di Murano per modellare le piastrelle luminose della piscina.

   La famosa architetto Hearst Julia Morgan incaricò Ettore Serbaroli (1881-1951) direttamente di ricreare e restaurare antichi soffitti e sculture. Completato tra il 1924-1927, il suo lavoro dimostra la sua vasta conoscenza dei dettagli europei dalla sua esperienza nella creazione di opere d'arte ornamentali originali in chiese e altri edifici.

   Professore Osservato di Letteratura Italiana e Comparata, Università della California a San Diego Pasquale Verdicchio:

   “Il tesoro degli artisti italiani in California è piuttosto vasto. Mentre alcuni sono abbastanza noti, molti altri attendono di essere riconosciuti. Che siano originari della California, qui da altre parti degli Stati Uniti, o venuti direttamente dall'Italia, l'ampiezza e la profondità dei loro stili e delle loro abilità sono di ampio respiro”.

   Questo modesto resoconto onora solo alcuni degli artisti del XX secolo che abbiamo trovato a lavorare nel nord della California. I conti futuri saranno più espansivi e generosi. Promettiamo.

   Non è un segreto che gli italiani abbiano portato la loro arte e il loro artigianato in California. Quello che stupisce è quanti ce n'erano e quanti ce ne sono. Troppi per questa semplice occhiata.

   “Come il paesaggio californiano modellato dall'agricoltura italiana e le città californiane modellate dall'architettura italiana, l'arte californiana ha un evidente accento italiano. Dalle torri di arte popolare di Sabato Rodia, ai murales di Gottardo Piazzoni, alle sculture di Bufano e di Suvero, alle tele di Rinaldo Cuneo e Jerry Carniglia, gli italoamericani hanno plasmato sia l'aspetto della California, sia l'aspetto dei californiani nel loro mondo”, ha osservato Lawrence DiStasi, autore e storico italoamericano.

   L'opera di questi artisti e artigiani - concentrata intorno alla San Francisco Bay Area - può essere vista tra le opere l'Hearst Castle a San Simeon (costruito tra il 1919 e il 1947) e lo splendore della Works Progress Administration, (in vigore 1935-1943). Eppure molti lavoravano indipendentemente anche per i loro clienti.

   Gli italiforniani© di una certa età ricorderanno Benny (Beniamino) Bufano (1890-1970) per il suo comportamento folle a San Francisco ma molto di più per le sue straordinarie sculture cilindriche e verticali. Bufano è noto soprattutto per le numerose sculture della Madonna, di diverse intitolate alla Pace e rinomate interpretazioni di San Francesco d'Assisi.  

    San Francesco dei Cannoni , realizzato con artiglieria fusa, mostra sul torso un mosaico dei bambini del mondo. Attualmente risiede al San Francisco City College. La sua rappresentazione di Sun-Yat Sen domina il St. Mary's Park a Chinatown.

   Il suo vasto mosaico murale ha abbellito le pareti della Moar's Cafeteria (33 Powell Street) per diversi anni.