color pcb 1.png
pcb unicorn 3.png
una razza in crescita?
di Marco Marinucci
sysdig-1-2.jpg

Così, per la prima volta, la comunità italiana può gioire di avere non uno ma due di tali esemplari. Kong , fondata da un trio di giovani italiani (2 di Milano e 1 di Roma) trasferitisi a San Francisco, con un biglietto di sola andata nel 2009, ha raccolto 100 milioni di dollari a febbraio 2021 con una valutazione di 1,4 miliardi di dollari. Sysdig (fondata da Loris Degioanni nel 2013), invece, ha effettuato il suo ultimo round di finanziamento nell'aprile 2021, raccogliendo un totale di ~ $ 380 milioni con una valutazione di $ 1, 19 miliardi.

Personalmente ho avuto il piacere di incrociare la strada con entrambi durante i primi giorni del loro viaggio e ho assistito ad alcuni dei "dietro le quinte" di quelle storie sensazionali (per piena divulgazione, sono anche un fiero investitore di Sysdig, mentre non ero abbastanza intelligente da investire in Kong…). Le somiglianze tra le 2 storie sono molte.

Entrambi i progetti sono B2B, entrambi al centro dell'infrastruttura cloud, entrambi evoluti o “pivotati” nel tempo (Kong è nato come Mashape, un marketplace di API, e ha cambiato totalmente il suo modello di business, mentre Sysdig inizialmente si chiamava Draios, non contemplava container o sicurezza informatica nella loro offerta).

 

Ancora più importante, tutti i co-fondatori hanno dimostrato di essere imprenditori superstar . Con un prezioso mix di visione, abilità tecniche e perseveranza, quei fondatori incarnano i trafficanti per antonomasia che possono fare molto nella Silicon Valley. La prova è che entrambe le società sono state supportate molto presto dai migliori VC di Sand Hill: Accel e Bain Capital per Sysdig, Index e Andreesen Horowitz per Kong.

 

E adesso?

 

Raggiungere lo status di unicorno non è la fine, ma piuttosto una delle tappe di un percorso imprenditoriale di successo. Sia Sysdig che Kong sono diretti a un futuro molto, molto più grande: mentre impiegano già centinaia di persone, possono crescere a migliaia, se non a decine di migliaia, potenzialmente dopo un'IPO di successo.

 

Tuttavia, l'ondata di impatto che possono avere può andare ben oltre. Possono creare una generazione di giovani professionisti che hanno sperimentato l'esclusiva ipercrescita della Silicon Valley. Avranno la ricchezza, l'esperienza e la passione per andare da soli, come operatori o investitori, e cercare di emulare più storie di successo tecnologico. E il ciclo ei suoi effetti a catena continueranno. 

UNICORNI ITALIANI
nella Silicon Valley:

L'Italia è una terra dalle tante meraviglie. Il Colosseo romano, le Dolomiti, Venezia, la burrata e l'elenco può continuare all'infinito.  

Tuttavia, c'è una nuova razza che ha iniziato a popolare la terra in modo crescente, ma meno in Italia: i famosi "unicorni", aziende private che hanno raggiunto la valutazione di $ 1 miliardo, ora iniziando anche a trasformarsi nel più raro decacorno ( $ 10 miliardi) o addirittura ettocorn ($ 100 miliardi).

 

Giusto per capire la velocità con cui sta crescendo questa nuova specie: nel 2018 c'erano solo ~270 esemplari    entro giugno 2021 possiamo contare oltre 700 e in crescita .

Le ragioni di questa crescita sono molteplici: la principale ha a che fare con ciò di cui si nutrono gli unicorni: il capitale!

 

C'è stata molta esuberanza nel mercato del venture capital - non solo negli Stati Uniti - l'UE ha anche registrato la più grande crescita di investimenti VC mai vista . Inoltre, rispetto ad altri decenni (cioè la famigerata era .com) le startup in fase di crescita tendono a rimanere private più a lungo e ad avvicinarsi ai mercati pubblici più tardi nel loro sviluppo, chiedendo valutazioni più elevate.

 

Mentre quelle condizioni sono storicamente meno visibili nel mercato del rischio italiano, i pochi imprenditori italiani nella Silicon Valley, hanno raggiunto le condizioni del mercato e si sono immersi nella corsa.